Animail Aid

Chi Siamo

Animal Aid Italia nasce a Roma da un nutrito gruppo di attiviste ed attivisti esperti che vogliono realizzare iniziative ed azioni per divulgare e diffondere l’etica vegana in difesa dei diritti di tutti gli animali.

Realizziamo iniziative di vario genere, dai presidi informativi in piazza, convegni culturali, manifestazioni, conferenze, alle iniziative coinvolgendo personaggi del mondo dello spettacolo come i concerti Animal Aid Live realizzati in Piazza del Popolo a Roma ed i cd con brani dedicati alle problematiche inerenti tutti gli animali.

Interveniamo in prima persona per denunciare alle Autorità maltrattamenti e sfruttamento di animali, e collaboriamo con le Istituzioni per poter migliorare aspetti giuridici, culturali e sociali in favore di un maggior rispetto e considerazione nei confronti degli animali.

Da tanti anni organizziamo varie iniziative per informare e sensibilizzare i cittadini, sopratutto i giovani, per rispettare chi è più debole, chi è senza voce, sia esseri umani che animali. Dopo numerose esperienze associative, organizzative e sociali, abbiamo deciso di creare una struttura per realizzare ogni tipo di azione con ogni mezzo e strumento efficace per portare avanti l’etica vegana e poter confrontarci con tutti, sopratutto con chi è vittima della disinformazione e del marketing delle multinazionali che sfruttano e lucrano sulla pelle di milioni di animali innocenti.

Il Consiglio Direttivo dell’Associazione è composto da: Pier Paolo Cirillo, Tamara Nale, Cecilia Coppola, Daniele Lombardi.

Chi è interessato a collaborare con noi può iscriversi gratuitamente compilando l’apposito modulo che trova nel presente sito.

Animal Aid Live ha sede in Roma, Via Divisione Torino 94, tel 3664656275 – c.f.: 97944800586″

Ultime novità

Presidio contro il circo con Animali

Torna di nuovo il circo con tutti i suoi consueti orrori per lo sfruttamento, prigionia, metodi coercitivi con i quali obbligano gli animali ad eseguire esercizi innaturali (frusta, bastone, fame, fuoco, elettricità), nonostante il Sars_Covid_2, per il quale il nostro governo ha vietato l’accesso al pubblico negli stadi, palasport, discoteche, stranamente concede il permesso per il pubblico pagante ai circhi che hanno tendoni al chiuso…
Pertanto domenica 20 settembre c.a., dalle 18:00 alle 21:30 saremo presenti ad Aprilia (Lt) in via Cattaneo, dove distribuiremo volantini informativi ed inviteremo gli adulti a non portare i propri figli ad assistere alla vergognosa esibizione di animali in via di estinzione, sedati e maltrattati, uno spettacolo diseducativo e traumatico per i piccoli che non potranno capire perché vengono ridicolizzati e frustati animali che non dovrebbero essere oggetto di spettacolo.
L’Italia è l’unico paese in Europa che finanzia i circhi con oltre 6 milioni di euro l’anno di denaro pubblico, che finisce nelle tasche delle strutture che emettono più biglietti nell’anno precedente.
Molti paesi in Europa hanno vietato i circhi con gli animali, e l’Italia ancora una volta dimostra di avere una classe politica in gran parte corrotta e connivente con i grossi interessi dietro lo sfruttamento degli animali, sia a livello locale, che regionale e nazionale.
Noi non accettiamo queste imposizioni. Continueremo a combattere queste sporche connivenze locali e ci batteremo per coinvolgere i parlamentari che seguono e supportano con il loro lavoro in Parlamento per vietare anche in Italia gli animali nei circhi e valorizzare ed aiutare le strutture circensi senza animali.
Aprlia è raggiungibile con 34 min di treno dalla stazione Termini con direzione Nettuno, e fermata ad Aprilia

Macachi e Orsi: quale futuro?

Siamo tornati in Piazza di Montecitorio, abbiamo consegnato il nostro documento all’ufficio protocollo di Palazzo Chigi indirizzato al Presidente Conte per chiedergli di intervenire presso i suoi Ministri Costa e Speranza per le drammatiche vicende degli orsi del Trentino e dei Macachi di Parma.Stamattina la responsabile dello Staff del Presidente del Consiglio ci ha chiamati per informarci che la nostra documentazione e le nostre richieste per le tristi vicende della fauna selvatica del Trentino e delle cavie chiuse nello stabulario dell’università di Parma, sono state consegnate al Presidente, e sarà sua cura affidare ai suoi uffici la valutazione di eventuali provvedimenti ed interventi del caso.Noi continuiamo la nostra battaglia mediatica attraverso il mail bombing che sta avendo notevole seguito dagli attivisti e simpatizzanti che ci seguono in tutta l’Italia, ed in particolare dalla provincia di Trento. E’ venuto a trovarci in Piazza di Montecitorio il collaboratore parlamentare dell’On. Doriana Sarli, per comunicarci che sarà presentata l’interrogazione parlamentare al Ministro Costa per chiedere conto dell’aspetto economico della gestione degli orsi del Trentino, dei contributi che l’amministrazione riceve per il mantenimento degli orsi in libertà e non per la loro cattura, castrazione e prigionia, per il rispetto del progetto Life Ursus e per conoscere gli interventi e provvedimenti che lo stesso Costa vorrà attivare.Abbiamo presentato e promosso il prossimo presidio, grazie al prezioso aiuto della nostra delegata Sara Jane Cahill, che realizzeremo domenica 20 settembre ad Aprilia per la presenza del circo Rolando Orfei, che ha iniziato i suoi cruenti e vergognosi spettacoli, nonostante siano stati vietati gli accessi al pubblico negli stadi, palasport e discoteche per le attività ludiche. Come mai ai circhi è stato concessa la possibilità di accesso del pubblico? “Cui prodest”? Ovvero, ci sono di mezzo le solite mazzette ai politucoli locali?Ne sapremo di più attraverso la nostra attività di richiesta dei controlli igienico-sanitari e amministrativi al sindaco di Aprilia, al suo comandante dei vigili e al dirigente dell’Ausl Distretto 1 di Aprilia. Vi informeremo sul prosieguo della vicenda. Ringraziamo come sempre tutti gli attivisti che si sono spesi per sostenere le missioni a tutela degli animali.

Macachi e Orsi: quale futuro?

Torniamo in Piazza di Montecitorio giovedì 10 settembre 2020 dalle ore 16:00 alle ore 19:00 per chiedere direttamente al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte di intervenire presso i suoi Ministri Roberto Speranza e Sergio Costa per le indegne e incivili questioni dei macachi di Parma e degli Orsi che vivono in Trentino. E’ inqualificabile e scorretta l’assenza dei due Ministri sulle importanti questioni che rappresentano il simbolo della vivisezione efferata e crudele, e dell’intento dell’amministrazione trentina di eliminare la fauna selvatica nel nostro Paese! Chiediamo al Presidente Conte di assumersi le responsabilità che fino ad oggi hanno volutamente evitato il Ministro della Salute e il Ministro dell’Ambiente, invitandoli così ad occuparsi seriamente delle questioni che sono diventate d’importanza nazionale. In tutta Europa è prioritaria la programmazione e progettazione di un totale cambio di sistema nell’economia, industria, ricerca e trasporti per un maggior rispetto dell’ecosistema e del futuro “green”, iniziando proprio dal principio fondamentale che bisogna abolire gli allevamenti intensivi, promuovere la vera ricerca scientifica senza animali, tutelare la fauna selvatica in ogni territorio. Invitiamo cittadini e associazioni a partecipare giovedì 10 settembre c.a. in Piazza di Montecitorio e chiediamo anche di partecipare alla manifestazione di sabato 12 settembre c.a. a Parma. In entrambi gli eventi dovremo essere in tanti, e chiedere con forza la liberazione dei macachi e lo stop ad inutili e crudeli sperimentazioni realizzate solo per lucrare denaro pubblico quando invece i metodi sostitutivi esistono ma vengono negati.

Presidio presso piazza di Montecitorio

Oggi martedì 1 settembre c.a. siamo stati in piazza di Montecitorio per chiedere al Parlamento e ai suoi componenti un impegno concreto e fattivo per affrontare le numerose problematiche inerenti lo sfruttamento crudele e meccanizzato di tutti gli animali in maniera cruenta e crudele, a totale uso, consumo e lucro delle grandi aziende farmaceutiche, agro-alimentari, allevatori, cacciatori, pescatori, circensi, pellicciai e vivisettori.
All’evento erano presenti il Prof. Bruno Fedi, Coordinatore scientifico di Animal Aid Italia, la delegazione dell’AVA di Franco Libero Manco e l’attivista Toni Curcio dal Piemonte che ha promosso la grande manifestazione di sabato 12 settembre c.a. a Parma per sostenere la liberazione dei 6 macachi coinvolti nell’inutile esperimento del “lightup” e alla difficile questione degli orsi italiani che vivono in Trentino. Ringraziamo di cuore i fantastici e preziosi attivisti che partecipano sempre con coerenza a tutte le nostre manifestazioni, con sacrificio e abnegazione. Abbiamo avuto l’opportunità di relazionarci con l’On. Francesca Flati, l’On. Doriana Sarli e l’On. Antonella Papiro, che sono intervenute ed hanno ribadito il loro impegno nella progressione dei lavori sulla revisione della legge quadro 281/91, ed hanno assicurato la loro adesione per portare avanti iniziative in Parlamento a favore dei diritti degli animali.
Noi continuiamo a realizzare presidi e attività propositive, con decisione e forza per dare voce a chi non ce l’ha, sempre disponibili al confronto con ogni risorsa. Tutti gli attivisti e le associazioni saranno sempre un elemento determinante per produrre risposte costruttive e finalizzate al beneficio di tutti gli animali. Grazie

Il Team

Entra in contatto con il nostro team...

  • Pier Paolo Cirillo

    Presidente

  • Tamara Nale

    Senior Consultant

  • Cecilia Coppola

    Direttivo

  • Daniele Lombardi

    Direttivo

  • Prof. Bruno Fedi

    Coordinatore Comitato Scientifico

  • Raffaella Sampaolesi

    Coordinatrice Ambiente e Animali Marini